SCM music player
Now Playing Tracks

Le piaceva stare seduta li, sugli scogli frastagliati che ricoprivano un tratto del mare.
Amava ascoltare il rumore delle onde, che spesso schizzavano gocce d’acqua sulla sua candida pelle bianca.
Per lei, era una sensazione strana, ogni volta che respirava profondamente e sentiva l’odore salmastro dell’acqua innondarla.
I suoi pensieri li, sembravano sparire, come frammenti del suo mondo che venivano trascinati via da quelle violente onde.
Era un po come liberarsi per un’istante il peso che si portava ogni giorno.
Perché il rumore che produceva il mare, le ricordava tanto quello che sentiva dentro.
Un mare in tempesta era quello che occupava la sua testa.
Che poi tutti lo sanno, a nessuno piace una tempesta, lo sanno tutti che sono pericolose.
Anche se alla fine quella tempesta era pericolosa solo per lei.
laragazzachenonriuscivavivere (via laragazzachenonriuscivavivere)
ma poi, che cazzo costava a madre natura farmi un po’ più magra?

(via philophobja)

O più carina?

(via laragazzadalfioccoblu)

Più bella cazzo…

(via sonoundisastroneirapportisociali)

O piú bella ?

(via miuccidonoconleparole)

1.152 persone che si sentono come me, bene.

(via philophobja)

Buh.

(via inostrifortirespiri)

O almeno da farmi attraente abbastanza per entrare in competizione con il tostapane, porcodio.

(via ragiondessere)

Amica sopra di me,ti amo hahaha. E comunque ti capisco.non faccio invidia a nessuno.

(via latteescaduto)

Perché il suo sguardo è più penetrante di qualsiasi altra cosa. Più penetrante di un coltello nello stomaco, di una pallottola in testa, di una siringa nella vena. Ti perdi nel suoi occhi, non vedi più niente, solo lui. I suoi occhi sono come un deserto, immensi. Ti perdi, ma non hai paura, provi piacere. Sì, perché il suo sguardo ti provoca un piacere assurdo, inspiegabile, ma vero. Hai l’impressione che il tempo si fermi, non t’importa più niente. Sei in paradiso, ti senti drogata, in ectasy. Il suo sguardo provoca tutto questo. Non ti senti più invisibile, per pochi secondi ti senti viva, reale ed esistente. E nessuno ti capisce, nessuno comprende l’effetto che fa su di te. Così tieni tutto dentro, perché quella sensazione non può essere raccontata, è un bene troppo prezioso.
MG (via gre7cia)
Lei è la ragazza che all’ingresso della scuola, dove stanno tutti i ragazzi, abbassa la testa e spera di passare inosservata. Ma in realtà vorrebbe essere considerata. Lei è la ragazza che nega di star male e maschera un sorriso. Ma in realtà sta urlando aiuto e nessuno la sente. Lei è la ragazza che si odia, odia il suo corpo. Ma in realtà vorrebbe piacersi almeno un pò. Lei è la ragazza che se viene presa in giro, ride. Ma in realtà muore dentro e se la prende con sé stessa. Lei è la ragazza che vedete. Ma non è così.
(via autolesionismodolcenera)
To Tumblr, Love Pixel Union